11 disastri architettonici per i quali qualcuno sarà stato licenziato

Certo, nella vita nessuno è perfetto e certi errori possono capitare. Tuttavia, in alcuni casi, determinati errori sono talmente palesi da far dubitare delle capacità cognitive di determinate persone.
In alcuni casi, sembra che architetti, ingegneri o muratori… insomma, le persone che si sono occupate di determinati lavori, avrebbero fatto meglio a cambiare mestiere.
Oggi vi mostriamo alcuni esempi che dimostrano come, in certe circostanze, certe “creazioni” rasentano davvero il ridicolo.

1. Verso il nulla

Una scala che scende e arriva direttamente a… niente! Trovi solo un muro e nulla più.

2. Una condivisione “saggia”

Una presa di corrente costruita in un punto che la rende assolutamente inutilizzabile… forse pensavano di ottenere una spina in ogni camera.

3. Una vista fantastica

Un fantastico balconcino, che permetterebbe di godere sicuramente di un bel panorama… se solo avesse un accesso… ma magari con qualche colpo di martello si può aprire una parete nel muro.

4. Per chi ama la carta da parati

Perché coprire la grata con la carta da parati floreale? In che modo diventa utile?

5. estintori

In caso di incendio tutto quello che dovete fare è imparare a volare.

6. Viva la privacy

Chiunque abbia progettato la porta di questa toilette deve essere un assoluto genio della privacy.

7. La sicurezza prima di tutto

Perché qualcuno dovrebbe montare in questo modo il blocca porte? Non c’è alcun ragionamento logico per farlo.

8. Un comodo garage

Sicuramente coloro che hanno ideato questo garage, stavano pensando ad altro, perché anche solamente per parcheggiarci dentro la macchina serve una gru.

9. Bambini scomparsi?

Sembra che questo scivolo sia stato progettato per liberarsi completamente dei bambini… una scivolata e via… chissà dove!

10. Affidabilità

Quando affidi la sicurezza del tuo locale a dei veri geni!

11. Da usare in caso di emergenza

In un edificio è innegabile che siano assolutamente obbligatorie le scale di emergenza. Tuttavia però, chi si è occupato della loro installazione, non ha pensato che magari, il loro posto era davanti le porte.