10 fatti molto curiosi sull’andare in bagno nei tempi antichi

L’essere umano da sempre ha cercato dei modi più comodi e puliti per andare in bagno, negli anni si sono susseguite moltissime invenzioni a riguardo. Oggi vi mostreremo un interessante elenco con 10 curiosità sull’andare in bagno. Scopriamo insieme cosa è cambiato nei secoli su questo argomento.

1. Ecco com’erano i bagni nel Medioevo, il lavoro di pulizia era alquanto sgradevole.

credit: Reddit / –Ezio–

Oggi siamo abituati ai tubi all’interno del muro, ma prima non era così e tutto doveva essere pulito per bene, anche la fossa. Senza dubbio questo era uno dei peggiori lavori dell’epoca.

2. Nel medioevo dopo aver fatto i loro bisogni si pulivano con muschio e fieno, i bagni avevano delle finestre e il pavimento era ricoperto di fiori.

credit: pixabay/antgarprats

Le prime latrine, naturalmente, si trovavano nei castelli, i luoghi nobiliari del medioevo, dove si potevano trovare i migliori comfort dell’epoca. Erano stanze alquanto appartate e di dimensioni non troppo elevate.

3. Le donne facevano le proprie necessità in un vasetto e ne gettavano il contenuto dal balcone.

credit: Wikipedia /York Museums Trust

Nel medioevo venivano usati vari sistemi per i propri bisogni, usavano questi contenitori per raccogliere i resti e poi li buttavano semplicemente fuori dalla finestra. Gettare gli escrementi per strada era una pratica estremamente comune, immagina che puzza per strada in quell’epoca.

4. I romani avevano dei gabinetti che erano formati da dei buchi nella pietra e ci si sedevano anche per chiacchierare.

credit: pixabay/LoggaWiggler

Il concetto di “privacy” in bagno a quanto pare è qualcosa di moderno. A Roma infatti era comune che le persone conversassero mentre si trovavano in bagno, lì venivano fatti anche degli accordi molto importanti. L’urina aveva un valore speciale, aveva anche una tassa.

5. Le persone, dopo essere andate in bagno, non avevano l’abitudine di lavarsi le mani. E dopo spesso mangiavano senza usare posate.

credit: pixabay/travelspot

Nel Medioevo si mangiava con le mani e spesso ci si trovava fuori casa o molto lontani dalle sale da pranzo. Non era abitudine dell’epoca quella di lavarsi spesso le mani, come si puo’ vedere anche nei film e nelle serie tv che riguardano l’epoca medioevale le loro mani erano sempre sporche e con quelle facevano di tutto.

6. Il bagno era un luogo pericoloso, molti nobili vi persero la vita.

credit: wikipedia/Carcassonne

Su Wikipedia si puo’ trovare un elenco di casi storici confermati in cui nobili persero la vita andando in bagno. Ad esempio il Duca Jing di Jin, nel 581 aC, che cadde nel Water. Ario nel 336 soffriva di problemi intestinali “esplosivi”. Il re Edmund II d’Inghilterra nel 1016 finì per essere trafitto da un oggetto appuntito nascosto nella latrina che stava usando.

7. Durante la rivoluzione industriali, le persone dovevano fare la fila per andare nei bagni condivisi all’aperto.

credit: Visitkyiv

Durante il XVIII e il XIX secolo moltissime famiglie si trasferirono nelle grandi città, spostandosi dalle campagne. Non tutte le case erano dotate di bagno, per questo motivo si creavano grandi code nei bagni condivisi all’esterno.

8. Il loophonium è uno strumento musicale ispirato ad una toilette

Si tratta di un’invenzione ad opera del compositore Fritz Spiegl, si tratta di un mix tra arpa, tuba e toilette. L’artista lo costruì per essere utilizzato nei concerti dalla Royal Liverpool Philharmonic Orchestra.

9. In molti dibattiti teologici Islamici si parò di fare le proprie necessità da seduto

credit: wikipedia

In molti paesi arabi questo viene richiesto da tempo, perché peccaminoso. Secondo quanto viene detto negli Hadith gli uomini non dovrebbero urinare in piedi, in questo caso non possono essere ad esempio usati gli urinatoi. Ci sono anche altre regole, come dire una breve preghiera prima di entrare e non eseguire l’atto in direzione della Mecca.

10. A Pompei i rifiuti finivano in un pozzo nero.

credit: Wikipedia / Zefram

Gli archeologi hanno trovato dei resti di 15 servizi situati ai piani superiori delle case di Pompei. Il sistema fognario era usato per trasportare l’acqua, quindi i rifiuti e i bisogni finivano direttamente in un pozzo nero.